airfree - sterilizzatori d'aria
il purificatore d'aria per tutti gli ambienti
Dentalfix distribuisce airfree Come funziona Airfree contro le muffe le allergie i funghi e come sterilizzatore d'aria per la vostra salute


Cosa propone il mercato

Umidificatori: gli umidificatori sono utilizzati per aumentare l’umidità negli ambienti. Questi apparecchi sono funzionali per gli ambienti e le regioni molto secche, possono aiutare a mantenere il livello di umidità necessario per il buon funzionamento dell’organismo, evitando irritazioni causate dall’essicamento eccessivo delle mucose.

Valutando i punti positivi, ci sono alcuni limiti negativi da dire a riguardo di queste apparecchiature: il serbatoio dell’acqua di questi umidificatori di aria può essere una fonte di contaminazione visto che funghi e batteri possono facilmente moltiplicarsi dentro l’acqua. In questo caso le persone possono inalare microrganismi che precedentemente erano nell’acqua.

Deumidificatori: i deumidificatori sono utilizzati per diminuire l’umidità nell’aria. Possono avere qualche ruolo nella riduzione di microrganismi in quanto funghi e batteri preferiscono un ambiente umido per la loro proliferazione. Oltre ad essere però ingombranti, cari e con alti consumi energetici, i deumidificatori presentano alcuni altri lati negativi: il serbatoio di raccolta dell’acqua può essere fonte di proliferazione per i microrganismi.

Air free funziona per convenzione , totalmente silenzioso,non ha motori e consuma solamente 46 W come una piccola lampadina .

Raggi ultravioletti: le radiazioni ultraviolette provocano un’alterazione genetica delle cellule dei microrganismi provocandone l’inattivazione e la morte.

Devono essere fatte però alcune considerazioni:

-Ci sono studi che mostrano come l’alterazione genetica dei microrganismi indotta dalle radiazioni ultraviolette può, invece di ucciderli, mutare i germi facendoli diventare super-resistenti ai medicinali e alle condizioni ambientali;
-Si deve fare molta attenzione con la blindatura dell’apparecchiatura che deve essere ben chiusa onde impedire fuoriuscite di radiazioni che possono contaminare le persona che frequentano l’ambiente danneggiando le loro cellule e arrecando progressivamente a lungo andare seri problemi alla salute;
-Ci sono costi elevati in quanto questi apparecchi utilizzano delle lampade che, per essere efficaci, necessitano di essere sostituite
molto frequentemente.
AirFree non emette radiazioni, elimina definitivamente i microrganismi e non necessita né di manutenzione né di sostituzione di pezzi

Purificatori con filtri: utilizzati per ridurre la contaminazione dell’aria, i filtri posseggono una buona efficacia nel catturare le particelle più grandi. Esistono anche filtri EPA detti assoluti e di alta efficienza capaci di ritenere particelle molto piccole, minori di 0,3 micron, dobbiamo comunque considerare che alcuni virus e batteri posseggono dimensioni molto più piccole e non possono essere filtrati.

 

- Queste tecnologie possono presentare dei problemi nell’installazione e nella manutenzione:
se non sono installate in maniera corretta si possono formare delle fessure nelle pareti intorno al filtro permettendo che l’aria passi senza essere filtrata;
nel filtro sono ritenuti i microrganismi che in esso continuano a proliferare, per questo è necessaria una sostituzione od una pulizia frequente in modo da evitare che sia il filtro stesso la fonte delle contaminazione; la sostituzione del filtro deve essere fatta con molta attenzione poiché i contaminanti ritenuti non possano disperdersi nell’ambiente ricontaminandolo. AirFree non necessita della sostituzione di pezzi e di filtri eliminando in modo definitivo i contaminanti biologici nell’aria.

Ionizzatori: durante la presa delle particelle gli ionizzatori liberano ioni (caricati elettricamente) che si uniscono alle particelle in sospensione nell’aria, facendo con loro un’unione che le attrae verso una superficie con cariche opposte (possiamo estendere come superfici qualunque punto solido: pareti, oggetti, tavoli ed a volte il nostro proprio corpo).

Il principale punto negativo di questa tecnologia è l’emissione di ozono. Questo gas è estremamente tossico ed è emesso da queste pareti come residuo dall’emissione di ioni, il grande problema risiede nel fatto che l’ozono è un gas tossico capace di corrodere il tessuto polmonare e, a volte, esiste una correlazione con il cancro alle corde vocali ed alla laringe. AirFree riduce in modo comprovato le concentrazioni di ozono nell’aria.

Ozonizzatori: questa tecnologia antica si basa sulle proprietà germicide del gas ozono che, in alte concentrazioni, elimina i microrganismi. Andare a respirare ozono può essere molto pericoloso per la nostra salute; questo gas causa irritazione alle narici, gola ed occhi e può causare danni al tessuto polmonare ed alle mucose.

L’ozono provoca:

inibizione della capacità dell’uomo di percepire gli odori; reagendo con alcuni contaminanti forma dei composti che possono essere molto tossici.
AirFree riduce in modo comprovato le concentrazioni di ozono nell’aria.
AirFree combatte i microrganismi presenti nell’aria ed insieme diminuisce la concentrazione di questo gas nell’ambiente.

Sanificanti per saturazione con sostanze chimiche: questo tipo di sanificanti ambientali sfrutta le proprietà di alcune sostanze chimiche (che possono essere di sintesi o naturali) di sanificare gli ambienti evaporando .

Tramite un apparecchio o naturalmente , vanno a saturare l’ambiente.

Presentano comunque dei limiti che sono:

I composti sono molto volatili e quindi l’evaporazione avviene in poco tempo.

Comportano una manutenzione giornaliera

Presentano costi continui

Non sono esenti da effetti collaterali e sensibilizzazione di tipo allergico alle sostanze chimiche usate.

AirFree non presenta nessuna controindicazione e non possiede effetti collaterali.